Dai bozzetti di Renzo Piano, l’idea dei lavori che inizieranno nel 2017. Sparirà il Sottomarino

Condividi questa news su:

Renzo Piano ripensa il campus di via Bonardi per fare spazio al verde, creare luoghi più adatti alla vita degli studenti e “decomprimere” un’area soffocata da edifici troppo alti e vicini. Nei bozzetti donati al Politecnico di Milano sparisce il Sottomarino: al suo posto, uno spazio aperto e vivibile che collegherà il Patio di Architettura con gli altri due edifici, il cosiddetto “Trifoglio” e la “Nave” di Gio Ponti. Via anche il parcheggio, sostituito da 100 nuovi alberi che saranno visibili da chi transita in via Bonardi. Per la didattica, aule e laboratori seminterrati, illuminati da coni di luce naturale.

Bozzetti_Renzo_Piano_Campus_Bonardi_Politecnico_di_Milano (4)

© Renzo Piano – Fondazione Renzo Piano – RPBW

In queste 5 bozze, l’architetto Polimi descrive la trasformazione – anche concettuale – degli spazi di Architettura, frequentati ogni giorno da migliaia di studenti, che va nell’ottica di una Città Studi più aperta e vivibile che integri l’Ateneo con il tessuto cittadino. I lavori inizieranno nel 2017.

Bozzetti_Renzo_Piano_Campus_Bonardi_Politecnico_di_Milano (2)

© Renzo Piano – Fondazione Renzo Piano – RPBW

Bozzetti_Renzo_Piano_Campus_Bonardi_Politecnico_di_Milano (1)

© Renzo Piano – Fondazione Renzo Piano – RPBW

Bozzetti_Renzo_Piano_Campus_Bonardi_Politecnico_di_Milano (3)

© Renzo Piano – Fondazione Renzo Piano – RPBW

Bozzetti_Renzo_Piano_Campus_Bonardi_Politecnico_di_Milano (5)

© Renzo Piano – Fondazione Renzo Piano – RPBW