Condividi questa news su:

Massimo_01La storia di Massimo Muzzì è una storia fatta di cambiamenti, viaggi, sfide e traguardi raggiunti con perseveranza e coraggio. Massimo è il classico Alumnus “inquieto”, non riesce a stare fermo per troppo tempo ed è sempre alla ricerca di una nuova sfida: fonte inesauribile di energia e proattività.

Cambiare per lui significa scoprire, migliorare e avanzare. A lui la parola!

“Sono Massimo Muzzì, sono un Alumnus Polimi Ing. Telecomunicazioni 2002 e sono sempre stato attratto dal cambiamento.

La mia prima svolta è stata al quarto anno della laurea in ingegneria delle telecomunicazioni, quando decisi di partire per il programma di doppia laurea T.I.M.E. con l’ENSTA ParisTech. Volevo capire cosa studiano all’estero e vivere l’esperienza Erasmus.

Il mio primo lavoro fu quindi come ingegnere di ricerca e sviluppo presso la Schlumberger a Parigi e due anni dopo con la Philips in Olanda. Ricordo che il mio tormento più grande allora fosse capire i colleghi del dipartimento di marketing: perché mai avrei dovuto limitarmi alle specifiche se ero in grado di elaborare delle soluzioni migliori?

Così decisi di cambiare carriera e passare proprio alle vendite e al marketing: cambiai azienda e paese e mi trasferì in Russia con la Schneider Electric.

Ad ogni segmento di cliente corrispondono determinati bisogni e valori, ecco svelato il mistero! Adesso però mi trovavo a combattere contro i colleghi del dipartimento di controllo di gestione, i quali volevano margini di profitto sempre maggiori: ma per aumentare le vendite e soddisfare il budget datomi, avevo bisogno di rivedere i prezzi!

Così dopo quattro anni decisi di tornare a studiare per capire il mondo dell’economia e di gestione d’impresa e mi iscrissi al programma MBA dell’Università di San Gallo in Svizzera per poi iniziare a lavorare in finanza corporativa con la ABB a Zurigo.

BUR_0203_warm_LoResIniziai a lavorare come analista finanziario, diventando però in breve tempo responsabile di tutti i processi di gestione del rischio di impresa (vedi foto, quando ho ricevuto il premio Best Enterprise Risk Management Process by Treasury Manager International) e dei processi finanziari di M&A.

Così dopo quattro anni in finanza, eccomi in un posto di gestione, come Vice President Business Development per ABB Robotics, un lavoro che riunisce tutte le mie conoscenze tecniche, di mercato e finanziarie in un mercato in pieno sviluppo. Inoltre lavorare in Svizzera offre molti vantaggi, tra cui alta qualità della vita, vicinanza con l’Italia, flessibilità nel lavoro e diverse opportunità (maggior numero di sedi di multinazionale per abitante, disoccupazione media al 3%, ma per laureati praticamente vicina allo zero, inglese fluente in generale sufficiente per profili internazionali).

Il mio consiglio a tutti gli Alumni Polimi è: cambiate punti di vista e provate sempre nuove esperienze per avanzare nella vostra carriera!”

riga

Se pensi che questa attività editoriale sia utile per valorizzare gli Alumni Polimi nelle loro imprese e traguardi, SOSTIENI ALUMNIPOLIMI! Ci consentirà di raccontartene tante altre!

Se ti è piaciuta la sua storia ce ne sono tante altre da scoprire!

raccontaci_la_tua_storia_correlata_fumetto